E ora, all'improvviso, il novembre era già li presente, dalle finestre si sentivano stormire gli alberi dell'Orto botanico, si era alzato un vento maligno che fischiava nelle fessure e le foglie portate via dal vento passavano rapide davanti ai vetri. Notte, mare o distanza. L'angelo nero.